Infrastrutture

TECSA S.r.l. rappresenta un partner ideale per le esigenze di consulenza in materia di sicurezza, security, movimentazione merci pericolose, prevenzione incendi e grandi rischi, nell’ambito delle infrastrutture strategiche (porti, aeroporti e stazioni ferroviarie).
Per tali realtà operative, del tutto peculiari, TECSA S.r.l. è in grado di offrire, a fianco dei tradizionali servizi di consulenza specialistica descritti sul presente sito, una serie completa di servizi tra cui:
  • “due diligence” ed “audit” per aspetti HSE;
  • implementazione di sistemi aziendali di gestione del rischio (ISO 31000) e di gestione della continuità del business;
  • consulenza all’alta direzione per l’implementazione di sistemi di monitoraggio della performance HSE (KPI’s) anche attraverso la predisposizione di strumenti informativi ad-hoc;
  • sviluppo di attività connesse con i procedimenti amministrativi (anche in deroga) di prevenzione incendi;
  • la valutazione del rischio di incendio ai fini della individuazione delle priorità di intervento e degli interventi di messa in sicurezza a garanzia della prestazione (es. con specifiche metodologie di analisi quali il “Bow-Tie”);
  • la valutazione della complessità (VACO) in accordo alla recentissima norma UNI  11613. La norma fornisce a ogni organizzazione le linee guida per pianificare, sviluppare, attuare, monitorare e riesaminare un processo di Valutazione della Complessità (VACO) del proprio sistema al fine di identificare e classificare le criticità e migliorare la resilienza dell’organizzazione stessa;
  • la valutazione dei rischi per la security.
TECSA S.r.l. può vantare una referenza specifica  per quanto attiene sia le stazioni ferroviarie sia i porti industriali e petroliferi, oltre che quelli ove viene effettuata movimentazione per mezzo di container.
In particolare TECSA S.r.l. ha predisposto, nell’ambito del corpo normativo sotteso alla Direttiva Seveso II (ai tempi D.Lgs. 334/1999 e s.m.i. e decreti collegati):
  • il documento ERIR “Elaborato tecnico rischi di incidente rilevante” ai sensi del D.M. 9 maggio 2001 per una serie di comuni italiani;
  • il documento RISP “Rapporto Integrato di Sicurezza Portuale” ed il PEP “Piano di Emergenza Portuale” ai sensi del D.M. 16 maggio 2001 per una molteplicità di porti italiani.
Nell’ultimo anno TECSA S.r.l., sulla base della esperienza in materia antincendio delle stazioni ferroviarie e di realtà infrastrutturali caratterizzate dalla presenza di grande pubblico, ha ottenuto un prestigioso incarico per la valutazione del grado di sicurezza antincendio, mediante audit mirate, delle tredici maggiori stazioni ferroviarie italiane.
La società è molto attiva anche nel campo delle infrastrutture energetiche specificatamente quelle connesse con energie di tipo rinnovabile. Nell’ultimo quinquennio sono state condotte sia analisi di rischio sia analisi di disponibilità ed affidabilità di sistemi di generazione di energia elettrica sia di sistemi di accumulo di energia prodotta da parchi eolici e fotovoltaici, in Italia ed all’estero. A seguito delle problematiche di incendio che caratterizzano i generatori fotovoltaici TECSA S.r.l. ha inoltre condotto sia perizie tecniche di parte per episodi di incendio effettivamente verificatisi, sia analisi del rischio di incendio di questo tipo di installazioni, arrivando alla pubblicazione di numerosi articoli in materia, anche su riviste con mercato internazionale.
Per quanto attiene il settore logistica e trasporti TECSA S.r.l. affianca ai servizi tradizionali di consulenza HSE ed antincendio anche specifiche attività tra le quali:
  • la valutazione del rischio di incendio e la modellazione della dinamica di incendio in tunnel, sottopassi, gallerie;
  • la valutazione del rischio di incendio, della dinamica incidentale e dell’esodo in emergenza (“Mass Motion”) da realtà complesse ed interessate dalla presenza del grande pubblico tra cui anche navi passeggeri e traghetti;
  • la valutazione del rischio industriale in presenza di movimentazione (anche su strada e su ferrovia) di merci pericolose;
  • la valutazione del rischio di collisione in ambito portuale, in mare o su via d’acqua e la determinazione delle conseguenze in termini di scenari incidentali attesi anche ai fini del miglioramento della disciplina del traffico navale;
  • la ricomposizione del rischio d’area dato il trasporto di merci pericolose;
  • la valutazione del rischio connesso alla presenza di reti di trasporto materiali ed energia sotterranee.
Per quanto attiene i servizi di formazione specialistica, nell’ambito delle attività di consulenza in materia di gestione del patrimonio, esigenze di security e “business continuity” per grandi complessi immobiliari ed infrastrutture critiche TECSA ha attivato da giugno 2015 una serie di corsi mensili specifici orientati all’aggiornamento dei property manager. Nell’ambito di tali incontri formativi vengono presentati i metodi speditivi suggeriti per la conduzione di audit finalizzate alla verifica del rischio di incendio, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, security e corporate governance con esempi applicativi. Ciò nell’ottica di addivenire ad una misura del grado di resilienza per questi aspetti di edifici e siti con una particolare attenzione anche agli aspetti organizzativi e gestionali.